Cosa è una polizza sanitaria indennitaria?

Una polizza malattia indennitaria non è altro che un prodotto assicurativo che serve a proteggere a livello finanziario l’assicurato dagli impatti derivanti da un infortunio, che sia esso di origine lavorativa o personale, che lo costringa ad un periodo breve o lungo che sia in una struttura sanitaria pubblica o privata.

In pratica è molto simile a una polizza infortunio con indennizzo e si rende assolutamente indispensabile per chi non ha le garanzie di un contratto di lavoro dipendente. Per queste persone ogni giorno passato in ospedale è una giorno di lavoro in meno e quindi una perdita economica consistente. Questo tipo di polizza assicurativa sanitaria serve proprio a dare un sostegno economico, tramite indennizzo diretto, in tale tipo di situazioni.

In molti casi la polizza sanitaria indennitaria prevede non solo l’indennizzo per i giorni di lavoro persi ma anche un rimborso delle spese sostenute per il ricovero e per eventuali esami specialistici a cui ci si è sottoposti durante il periodo di malattia.

Le migliori assicurazioni indennitarie

Polizza Sanitaria
Voto
Calcola i Preventivi
Logo Genertellife
Voto assicurazione 5
Logo allianz
Voto assicurazione 5

I servizi opzionali di una polizza sanitaria in forma indennitaria

Il costo del preventivo di una polizza sanitaria di questo tipo varia in base al numero di servizi opzionali che vengono integrati. Tra i più comuni c’è l’estensione del rimborso anche ai periodi post ricovero durante i quali, ad esempio, si potrebbe aver necessità anche di assistenza infermieristica.

Per queste polizze sulla salute sono poi previste delle opzioni di tipo economico che aumentano in base alla gravità della malattia, prevedendo, ad esempio, un rimborso doppio nel caso in cui il ricovero sia dovuto a patologie di tipo oncologico o terminale.

Se infine nella copertura di base non è previsto, è possibile richiedere come servizio opzionale la possibilità di poter scegliere liberamente la struttura presso la quale ricevere le cure del caso non solo nell’ambito pubblico, dove parte dei costi è a carico a del Servizio Sanitario Nazionale, ma anche in ospedali, cliniche e centri diagnostici privati.