La polizza infortuni del conducente

Nonostante possa sembrare strano, l’assicurazione RCA auto – obbligatoria per legge – non tutela il conducente che si trova alla guida dell’auto che ha provocato l’eventuale sinistro, ma si limita a coprire i danni causati alle persone o ad altri veicoli. Per ottenere una copertura che tuteli anche colui che guida un veicolo coinvolto in un incidente bisogna stipulare un’assicurazione specifica, la polizza infortuni per il conducente.

La polizza conducente è un’assicurazione auto che permette al conducente di un veicolo che ha subìto dei danni in un incidente – di cui è responsabile – di ricevere un risarcimento. Si tratta di un’ulteriore copertura finanziaria, sicuramente meno diffusa di altre garanzie accessorie (come la polizza furto e incendio), che interviene solo nel caso in cui la colpa sia del conducente del veicolo perché, in caso di incidente senza colpa, gli eventuali danni fisici subìti dal guidatore sono coperti dalla normale polizza Rc Auto della controparte. Tra i vantaggi di questo tipo di assicurazione c’è una sensibile riduzione dell’impatto economico delle spese sanitarie sul bilancio familiare, in caso di sinistro, e la protezione del patrimonio personale.

Polizze infortuni conducente: confronto preventivi!

Polizza Auto
Voto
Calcola i Preventivi
Logo Genertel
Voto assicurazione 5
 Logo Conte
Voto assicurazione 4
 Logo Zurich
Voto assicurazione 4
 Logo Axa
Voto assicurazione 4

La copertura

Come già avviene per la RCA, anche la polizza infortuni del conducente copre i danni subìti fino a un certo massimale che viene stabilito al momento della stipula del contratto; la maggior parte delle compagnie di assicurazione include tra i casi di risarcimento anche la morte o l’invalidità permanente del conducente, una diaria giornaliera di ricovero e le varie spese sanitarie sostenute dall’assicurato.

La cosa importante da tenere presente, però, è che la polizza del conducente copre esclusivamente i conducenti abilitati alla guida del veicolo: ad esempio, se al momento della stipula del contratto si specifica che il proprietario è l’unico a utilizzare quell’automobile, in caso di incidente provocato da un’altra persona alla guida, la compagnia di assicurazione non è tenuta al risarcimento degli eventuali danni subìti. Se invece nella polizza assicurativa viene indicata la guida libera, tutti i conducenti del veicolo assicurato saranno coperti dalla garanzia.

Esclusioni

Ovviamente, nel caso in cui il conducente del veicolo che provochi l’incidente e subisca dei danni sia in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, l’assicurazione non elargirà alcuna copertura. Inoltre questo genere di polizza non copre i danni subiti dalla propria auto che possono essere coperti, invece, con la stipula di una polizza kasko.

Infine, bisogna considerare che non tutti gli infortuni subìti dal conducente sono necessariamente compresi nella polizza: ed esempio, alcune compagnie di assicurazione non rimborsano i danni subìti da infortuni lievi, mentre altre li coprono senza problemi. Per questo, in fase di preventivo e al momento della stipula della polizza infortuni del conducente è bene valutare le eventuali limitazioni praticate dalla compagnia.