La polizza RCA

La polizza RCA (Responsabilità civile auto) è l’assicurazione che protegge da eventuali danni causati a persone o cose a causa della circolazione delle automobili su strada: stipulare una RC auto può essere una spesa molto costosa da affrontare per le famiglie, basti pensare che il costo di una polizza RCA può variare da poche centinaia a qualche migliaio di euro per lo stesso veicolo. Tuttavia, può essere un errore scegliere la polizza assicurativa RCA basandosi solo sul costo della polizza, perché esso non dipende soltanto dal tasso fissato dalla compagnia di assicurazione, ma anche da alcuni fattori molto importanti.

Il premio assicurativo

Il premio assicurativo è certamente il primo elemento che attira l’attenzione quando si valuta un preventivo per la polizza auto: il premio è infatti il costo pagato dal contraente per ottenere in cambio una copertura assicurativa. Gli importi dei premi da versare per le polizze RCA sono determinati liberamente da ciascuna compagnia di assicurazione, anche nel rispetto delle norme della Comunità europea.

Ogni assicurazione stabilisce l’importo del premio da versare valutando il rischio e quindi basandosi su categorie e parametri statistici quali l’età del contraente, il sesso, la città di residenza, il tipo e le caratteristiche del veicolo. Ad esempio, le statistiche dimostrano che gli uomini causano più incidenti delle donne, assicurare una persona di mezza età comporta meno rischi rispetto a un neopatentato, guidare in una città di provincia è meno pericoloso che in una città metropolitana, determinate aree geografiche hanno una maggiore percentuale di frodi rispetto alla media nazionale. Oltre a questi fattori, che riguardano soprattutto la definizione del premio per l’assicurazione furto e incendio e per l’assicurazione Kasko, è anche considerato il valore della vettura.

Oltre alla polizza di assicurazione obbligatoria per la responsabilità nei confronti di terzi, il premio può includere garanzie accessorie (intemperie, atti di vandalismo, furti, eccetera). Il premio può essere pagato a rate definite o in un’unica soluzione una volta l’anno e comprende le tasse e, solo per la polizza RC auto, anche i contributi per il servizio sanitario nazionale e per il Fondo per le vittime della strada.

Polizze RCA più convenienti

Polizza Auto
Voto
Calcola i Preventivi
Logo Genertel
Voto assicurazione 5
Logo Genialloyd
(Promo On Line)
Voto assicurazione 5
 Logo Zurich
Voto assicurazione 4
 Logo Conte
Voto assicurazione 4
 Logo Axa
Voto assicurazione 4

Il massimale

La copertura massima indica l’ importo massimo del risarcimento che la società è tenuta a versare a colui che subisce un incidente. Se il danno supera il massimale, il proprietario del veicolo responsabile del sinistro è tenuto a rispondere con il proprio patrimonio per l’importo eccedente. La copertura minima stabilita dalla direttiva europea entrata in vigore il 12 giugno 2012, è stata fissata a 5 milioni di euro per sinistro, in caso di lesioni personali, indipendentemente dal numero delle vittime o dei feriti e un milione di euro per sinistro, in caso di danni a beni o proprietà.

Considerando che, in caso di incidente, la copertura assicurativa delle polizze auto dovrebbe essere sufficiente per compensare pienamente ed equamente tutte le vittime che hanno subito danni molto gravi, pagare un piccolo premio supplementare alla compagnia assicurativa per ottenere un massimale superiore è sicuramente una scelta saggia che viene ricompensata con una maggiore tranquillità. Spesso, in caso di morte o di lesioni gravi, la magistratura offre un compenso molto alto (in base all’età e alla professione delle vittime), e se la copertura massima non è sufficiente per il risarcimento dei danni, la quantità eccedente è sempre di responsabilità del conducente del veicolo che ha provocato il sinistro.

La polizza rca auto copre anche gli infortuni subiti dai passeggeri a bordo del veicolo che ha causato l’ incidente, ma non considera l’eventuale danno subito dal conducente; alcune polizze invece si limitano alla copertura assicurativa solo per i conducenti identificati nel contratto e pertanto non risarciscono i danni causati da conducenti diversi da quelli specificati. Ricordiamo che per tutelare anche colui che guida il veicolo che ha provocato l’incidente occorre stipulare un’apposita polizza infortuni per il conducente.